Università Campus Bio-Medico di Roma

Università Campus Bio-Medico di Roma

L’Università Campus Bio-Medico di Roma  nasce nel 1993 come istituzione no-profit e promuove strutture integrate d'insegnamento, ricerca e assistenza sanitaria, perseguendo come fine principale delle proprie attività il bene della persona. Parte integrante dell’Università è quindi il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico, inaugurato nel 1994 e teaching hospital  per studenti e specializzandi. L’Ateneo è strutturato in due Facoltà Dipartimentali , che offrono 8 Corsi di Laurea e Laurea Magistrale, 26 Scuole di Specializzazione e 8 Corsi di Dottorato, con attività di ricerca integrata tra le diverse discipline.

Oltre ai corsi di Laurea in Infermieristica, Tecniche di Radiologia Medica per Immagini e Radioterapia, Scienze dell’Alimentazione e della Nutrizione Umana e Ingegneria Industriale, l’Università conferisce Lauree Magistrali in Medicina e Chirurgia, Scienze dell’Alimentazione e della Nutrizione Umana, Ingegneria Biomedica e in Ingegneria Chimica per lo Sviluppo Sostenibile. Sono attivi, inoltre, corsi di dottorato che sviluppano tematiche di Bioetica, Endocrinologia e Malattie Metaboliche, Ingegneria Biomedica, Patologia Osteo-Oncologica, Scienze degli Alimenti e della Nutrizione, Scienze dell’invecchiamento e della rigenerazione tissutale.

Particolare attenzione è dunque data alla formazione sulla cura della persona in tutti i suoi aspetti, nel rispetto e nella valorizzazione dell’ambiente. Un impegno che ha portato il settore delle Scienze  Biologiche a ottenere il 5° posto a livello nazionale  nell’ambito della prima indagine di Valutazione della Qualità della Ricerca (VQR), conclusa da ANVUR nel 2013, su mandato del MIUR. Struttura strategica di riferimento interfacoltà è il Centro Integrato di Ricerca (CIR) , che si occupa della promozione, del sostegno e della gestione amministrativo-finanziaria delle attività di ricerca e delle collaborazioni scientifiche delle Facoltà Dipartimentali, permettendo un continuo flusso di informazioni per lo sviluppo e la caratterizzazione di procedure innovative e di tecnologie, sia per scopi di ricerca, sia per l’attività clinica. Questo modello permette un proficuo scambio di idee tra ricercatori nei diversi campi, creando un ambiente di ricerca autenticamente multidisciplinare. Il CIR comprende più di 50 Unità di Ricerca alcune delle quali fortemente orientate al settore delle scienze dell’alimentazione e della nutrizione umana. Al fine di facilitare al massimo le collaborazioni e le sinergie, ottimizzando le risorse, tutte le Unità Operative di Ricerca ruotano attorno a core facilities  comuni con attrezzature scientifiche di avanguardia.

In particolare, si possono menzionare le seguenti core facilities: Criopreservazione e Centrifugazione, Microscopia ottica e elettronica, Colture Cellulari, Camera Bianca (Classe 1000, dedicata alla prototipazione rapida e fabbricazione di microsistemi biomedici con tecnologia a film sottile), Laboratorio per l’uso di Radioattivi, Officina Meccanica di Precisione di Caratterizzazione Meccanica per prove statiche e dinamiche su materiali.

L’Università ha attive convenzioni  per collaborazioni didattiche e scientifiche con le più prestigiose Università e centri di Ricerca Italiani e stranieri , tra cui: Scuola Superiore Sant’Anna (Pisa, Italy), Massachussettes Institute of Technology (Dept. of Mechanical Engineering, Cambridge, MA, USA), The Burke Hospital (New York), Boston University (Dept. of Neuroscience, MA, USA), Tuft University (Boston, MA, USA), Northwestern University & Rehabilitation Institute of Chicago (MI, USA), Universidad de Navarra (Spain), Twente Universiteit (Enschede, The Netherlands), Technical University of Delft (The Netherlands), College de France (Paris), Imperial College London (UK), University of Edinburgh (UK), Waseda University (Tokyo, Japan), Tsukuba University (Japan), Uppsala University (Sweden), Technical University of Munich (Germany), Nangyang Technological University (Singapore), Ecole Politechnique Federale de Lausanne (Switzerland). The Royal Adelaide Hospital (Australia), Weill Cornell Medical College and Graduate School of Medical Sciences (USA- New York).